Come Pulire le Ottiche o Lenti di un Telescopio

Ogni telescopio o binocolo che si utilizzi per l’astronomia, non importa quanto sia economico, merita le migliori cure, incluse la pulizia delle ottiche. Molte volte lo utilizzerai al limite delle sue capacità e quando stai cercando di vedere oggetti molto deboli o dettagli flebili, una buona pulizia può fare la differenza.

La prima tattica contro la sporcizia è quella preventiva. Tenere sempre i tappi quando lo strumento non è in uso, e se manca un tappo, crealo da te, con del cartone o anche con un sacchetto di plastica. Gli oculari devono essere coperti su entrambe le estremità o conservati in sacchetti di plastica o piccoli contenitori per alimenti.

Non toccare mai con le dita la superficie di un obiettivo o di uno specchio. Gli acidi nell’olio della pelle possono attaccare i rivestimenti ottici nel tempo. Quindi, se si lascia un’impronta digitale, ad esempio, su un obiettivo binoculare, pulirlo usando il metodo descritto nei prossimi paragrafi.

Ogni telescopio si sporca! Sporcizia su lenti o specchi, rendono i cieli scuri meno scuri e oggetti luminosi meno evidenti – ma non così tanto come probabilmente crediamo.

Harold Richard Suiter ha analizzato gli effetti dello sporco su di un’ottica, utilizzando metodi matematici. La sua conclusione? “La quantità massima tollerabile di sporcizia su di un’ottica dovrebbe essere pari a circa 1/1000 della superficie, o un 1/30 del diametro per essere apprezzabile”.

Se siete in dubbio o meno se pulire le ottiche, allora questo è il momento in cui fermarsi. Infatti le ottiche vanno pulite solo quando credete che vada fatto!

C’è una buona ragione per ignorare la sporcizia, oltre a ridurre le cose di cui ci preoccupiamo nella vita. Una lente o uno specchio sporco può essere sempre pulita in futuro, ma un ottica graffiata è per sempre. La pulizia provoca piccoli graffi se non fatta come si deve, quindi è consigliabile pulire raramente, ma se le ottiche o lenti diventano davvero sudice, ecco come pulirle.

Pulire le Lenti, Oculari e Filtri 

Il modo più rapido e semplice per rimuovere la polvere dagli oculari è quello di soffiare con forza sulle lenti, ma occhio a non lasciare tracce di saliva.

Se ciò non dovesse funzionare, il metodo tradizionale per la pulizia della lente è quello di spazzolare leggermente con una spazzola di peli di cammello. Venduti nei negozi di fotocamere, queste spazzole hanno setole morbide con la minima tendenza a raschiare la graniglia contro la lente. Spazzolate leggermente e conservate la spazzola in un luogo protetto dalla polvere.

I negozi di telecamere vendono anche lattine di aria compressa per spazzare via la polvere, ma fate attenzione ai tipi che utilizzano propellenti liquidi. Questi hanno la reputazione di lasciare residui sulle lenti se la lattina è scossa durante l’utilizzo, quindi fate attenzione.

Per lenti più sporche o macchiate, sono disponibili diverse soluzioni per la pulizia. Buone sono l’alcool isopropilico puro o alcool metilico (metanolo), disponibili in tutti i negozi di ferramenta o casalinghi. L’alcol standard isopropilico funziona bene ed è più facile da trovare, ma evitate preparazioni alcoliche con altri componenti che possono lasciare macchie. I negozi di fotocamere vendono liquidi per la pulizia di obiettivi come Crystal Clear, che è metanolo puro, ma è possibile ottenere metanolo molto più economico in un negozio di ferramenta. Sono inoltre disponibili “penne” con un morbido tappetino di pulizia impregnato con solvente.

In genere per una buona pulizzia, avrete bisogno di un morbido panno di cotone, inumiditelo con il fluido e passatelo delicatamente sulla lente o filtro, senza esercitare però troppa pressione. Se necessario, date un’altra passata con un panno asciutto così da evitare che possibili residui rimangano sugli specchi.

Fate particolarmente attenzione alle impronte digitali che possono scolorire i rivestimenti in modo permanente se rimangono abbastanza a lungo sulla superficie. Anche con il formarsi di queste macchie le prestazioni non dovrebbero subire alcun effetto, ma meglio evitare.

Pulizia dello Specchio

Uno specchio primario di un Newton prima della pulizzia

Lo specchio durante la pulizzia con sapone neutro

Utilizzate un bastoncino di ovatta inbevuto in alco o acqua per lo sporco più persistente

Per pulire gli specchi di un telescopio riflettore, dovrai essere fiducioso di smontare il telescopio e rimontarlo poi, quindi ri-collimarlo nuovamente.

Come fai a sapere se i tuoi specchi hanno bisogno di pulizia? È semplice: se ti stai ponendo la domanda, non farlo! Ed effettuate la pulizia solo nel caso in cui non hai dubbi.

Se è necessaria una pulizia ecco come procedere:

Sfilare le viti che fissano la cella dello specchio primario all’estremità posteriore del tubo. Raggiungere nella parte posteriore e estrarre delicatamente la cella con lo specchio inserito. Svitare i ganci che tengono lo specchio e spingere lo specchio dalla parte posteriore senza toccare la superficie.

Inoltre, potrà essere necessario rimuovere il supporto per il piccolo specchio secondario all’interno dell’estremità anteriore del tubo, quindi estrarre lo specchio secondario dal supporto, o se potete pulire senza estrarlo, meglio!

La prima cosa da fare è rimuovere correttamente tutto lo sporco. Infatti, la polvere ordinaria che abbiamo in casa contiene particelle di polvere di roccia che strofinata sulla superficie riflettente, provoca dei micrograffi.

Avrete bisogno di un lavandino o recipiente, di due asciugamani, di un detersivo liquido neutro, di una bottiglia di acqua distillata o demineralizzata (“de-ionizzata”) disponibile in farmacie e di cotone sterile. Lavare il lavandino, sciacquarlo bene e posare un tovagliolo piegato sul fondo. Toglietevi tutti i gioielli dalle mani e dai polsi. Mettete lo specchio a faccia in su sul tovagliolo ed aprite il rubinetto. Questo rimuoverà la maggior parte della polvere.

Chiudete il rubinetto e date allo specchio un risciacquo finale con uno strato di acqua distillata o demineralizzata. Questa non lascerà depositi minerali quando si asciugherà. Appoggiare lo specchio sul bordo (su un telo ripiegato per evitare scivolamenti) e lasciatelo asciugare. È possibile asciugare con cura le goccioline di acqua resistenti con l’angolo di un tovagliolo di carta. Se lo specchio sembra abbastanza pulito siete già a buon punto e potete lasciarlo così.

Se è ancora sporco, e sulla superficie non c’è solo polvere, allora bisogna optare per il piano B. Rimetti lo specchio nel lavandino, metti lo specchio sul tovagliolo e riempia il lavandino a metà con acqua tiepida. Aggiungi un pò di detersivo liquido e lasciare a riposo per 5 o 10 minuti. Poi, tenendolo sott’acqua, prendete un batuffolo di cotone e passatelo delicatamente sullo specchio.

Scollegare il lavandino e far passare l’acqua tiepida sullo specchio per un minuto. Terminare con un risciacquo di acqua distillata e inclinare lo specchio sul bordo per asciugare. Ripetere il processo con il piccolo specchio secondario.

L’atteggiamento giusto è essere vigili nel prevenire sporco su lenti o ottiche. I perfezionisti non saranno mai felici, ma l’astronomia dovrebbe essere divertente. Dopo tutto, ciò che conta non è quello che vedi sul telescopio, ma quello che ci si vede attraverso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *